Passa ai contenuti principali

Noi due (capitolo 13, parte terza)


Tutto quello che successe in seguito fu un caleidoscopio di eventi.
La macchina di Hesediel si fermò accanto a lui.
L’uomo capì al volo l’accaduto.
Gabriel era sotto stato di shock, tremava ed era fuori di sé.
Lo strinse al proprio corpo.
Invano cercò di calmarlo.
Arrivarono presto l’ambulanze e macchine di polizia.
Gabriel pianse quando Hesediel si assunse la colpa dell’accaduto, dichiarò di essere stato lui a spingere il fratello in mezzo alla strada.
Poi il giovane svenì.

La gente intorno a una bara. Una bara come tutte le altre sotto un cielo plumbeo.
Una scena da sogno, anzi da incubo.
Tirava vento, ma faceva un caldo infernale.
Nessuno piangeva.
Perché diavolo nessuno piangeva?
Nessuno aveva mai amato veramente Hegyron?
Gabriel guardò il buco nero che avrebbe accolto il corpo dell’amico per l’eternità. Era spaventoso.
Un brivido di terrore gli attraversò la schiena. Anche lui un giorno…
Voltò il capo verso la propria destra.
Hesediel era accanto a lui. Nathalie non era neanche venuta al funerale. Non l’aveva più vista dall’incidente.
I giornali scandalistici avevano fatto veramente del loro meglio per mentire ed enfatizzare l’accaduto.
Avrebbe voluto prendergli la mano.
Sentire il calore di quella dell’amato. Sentire di essere ancora vivo.
Sospirò. La colpa era tutta sua.
Hesediel era più tenebroso del solito, tuttavia sapeva benissimo che non gli sarebbe accaduto nulla nel processo per la morte di Hegyron, solo che non sopportava che lui si fosse preso la sua responsabilità.
Tornò con gli occhi vuoti a osservare la bara nera che scendeva nelle profondità infernali della terra.
Una goccia di pioggia gli bagnò il volto. Un’altra e un’altra.
Fra quelle riconobbe le proprie lacrime silenziose che gli solcavano le guance.
Le uniche lacrime in quella giornata fredda.
Addio Hegyron, addio amico.
Mio migliore amico.
Per sempre.

Quella sera Hesediel e Gabriel fecero l’amore.
Non era più sesso.
Forse neanche per Hesediel lo era più o forse per Hesediel non lo era mai stato, ‘solo sesso’ .
La mano di Hesediel toccò un labbro dell’amante che lo mordicchiò. Stavano per raggiungere il piacere, Gabriel abbracciò Hesediel.
“Ti amo” una parola sussurrata nel profondo silenzio di un’immensa stanza che crea un eco.
Hesediel lo fissò sorpreso, non rispose.
Lo portò al piacere e lo baciò. Dormirono insieme abbracciati.
Hesediel si svegliò all’alba. Fece una doccia, si vestì e baciò Gabriel sulle labbra, sulla fronte, sui capelli.
“Addio”.




Commenti

  1. tesoro..ma come? proprio te senza parole??XD dai che piano ritorno alla normalità;) bacioni

    RispondiElimina
  2. Come? Addio? No!!!!!!!!!!! Non può lasciarlo, mi viene da piangere al pensiero di loro due divisi. Che triste.

    RispondiElimina
  3. Oddio tesò mi fai venire i sensi di colpaXDvedrai,vedrai..^^ un abbraccio.

    RispondiElimina
  4. Ora te li faccio venire io i sensi di colpa XD
    Come hai potuto???? Proprio ora che il loro amore è venuto fuori e la storia sta (stava) prendendo una piega così dolce mi porti via Heediel??? *me disperata*

    RispondiElimina
  5. Ma suvvia!!!XD che vuoi che sia un piccolo,minuscolo,microscopico colpo di scena?!ehehe..altrimenti sarebbe troppo noioso..bacioni

    RispondiElimina
  6. Davvero??? Microscopico???? Ok, se non è permanente ok hehehehhee

    RispondiElimina
  7. beh..diciamo che non è proprio permanente..beh vedraiXDun abbraccio

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saggio breve

Questo è un saggio breve che riguarda giustizia e legalità, rivisitate un pò attraverso alcuni esempi letterari. Perchè lo posto qui non so, ma se qualcuno avrà l'ardua pazienza di leggerlo sarei contenta di sapere che ne pensate- non sono fatta per i saggi, amo molto di più scrivere liberamente seguendo la mia fantasia-. A presto, Jivri'l.




Le leggi sono norme preposte alla vita sociale perché questa sia ordinata e basata su sistemi giudiziari equi. Discutendo sulle leggi inevitabilmente si parla anche di giustizia.

Legalità e giustizia, sebbene non sinonimi, sono i principi alla base della dignità umana. Ciò rende le persone uguali e dà a ognuno quello che si merita.
In un’immagine di Mario Sironi, “La giustizia fra la legge e la forza”, è rappresentata una donna alias Giustizia con la spada in mano e la bilancia relegata in secondo piano.
E’ interessante osservare che la bilancia, simbolo dell’equità e della stessa giustizia, è seconda, qui, alla spada, strumento che serve …

Help me!

Vi supplico, si, dico a voi che vi trovate a passare per questo blog, se avete 2 minuti e un'idea... ditemi cosa ci posso mettere nella tesina!!! Sto finendo lo scientifico e non ho la più pallida idea su cosa fare la tesina, quindi... help meeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!


Si accetta di tutto- libri, frasi, film, cartoni, fatti, cronache...- ma datemi un'idea!!!


Un saluto, Jivri'l.

"Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente": l'altra faccia della Luna.

“Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente” : l’altra faccia della Luna.

“Ho cercato di far uscire le favole da se stesse.
Perché ogni storia contiene il suo contrario.
Perché niente è come appare: le favole sono alibi.
E perché niente, infine, appare com’è: gli alibi generano altre favole.”


Un “cantastorie” raccoglie intorno a sé i bambini desiderosi di ascoltare favole, tuttavia prima di incominciare a narrare chiede se loro credano alle favole.

“E fate male- replica- le favole non dicono sempre la verità: e sapete perché? Perché il primo che racconta una favola, la racconta come vuole lui ed allora nessuno osa più cambiarla. Tante, tante volte i fatti si sono svolti in un altro modo, la vera storia è diversa: ma quando quella storia diventa favola, ecco che i poveracci si ritrovano principi, le servette regine, i banditi eroi, ma soprattutto i cattivi vengono scambiati con i buoni e i buoni con i cattivi”.

Ed ecco che Cappuccetto Rosso non è più un…