Passa ai contenuti principali

Help me!

Vi supplico, si, dico a voi che vi trovate a passare per questo blog, se avete 2 minuti e un'idea... ditemi cosa ci posso mettere nella tesina!!! Sto finendo lo scientifico e non ho la più pallida idea su cosa fare la tesina, quindi... help meeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!


Si accetta di tutto- libri, frasi, film, cartoni, fatti, cronache...- ma datemi un'idea!!!


Un saluto, Jivri'l.

Commenti

  1. urka! che quiz! beh, direi di scegliere a seconda del tuo orientamento di studi futuro:)
    e poi manca qualche indizio delle materie preferite, dei gusti non te lo chiedo neanche:)) ma insomma___ almeno la materia verso cui hai maggior passione, interesse, dimestichezza___ facci sapere qualcosa___:))

    RispondiElimina
  2. mah, a me piacerebbe costruire la tesina intorno a un bellissimo libro o anche a una frase... tipo quelle che ogni tanto metti tu nel tuo blog e io ne rimango sempre affascinata! e poi partendo da quella collegherò tutte le altre materie, ma mi serve il fulcro della tesina!!! Prima pensavo di mettere il libro "memorie dall'oltretomba" ma è troppo depresso:D fammi sapere qualcosa, magari a te qualche idea viene. un abbraccio

    RispondiElimina
  3. "memorie dall'oltretomba" ahahahahhah uaahahahaahaha arriuuuaaaahahahahhah :))
    detto questo, quindi l'argomento è un pretesto per spaziare in ogni direzione!
    beh, un bel fulcro potrebbe essere nella diversa visione dell'uomo (e della donna) nelle civiltà occidentali (egocentriche) rispetto a quella dell'uomo (e la donna) nelle civiltà orientali (olistica per così dire) per arrivare all'etica biocentrica così tratti tutto, filosofia, lingue e linguaggio, scienze, storia (antichità modernità), geografie del mondo e del cosmo, sociale, ecc ecc, credo che di meglio non si possa trovare:))

    RispondiElimina
  4. e di che si tratta??? oddio, solo a leggerlo mi viene il mal di testa! però interessante, sapresti darmi qualche indirizzo? grazie cmq!

    RispondiElimina
  5. assolutamente no. posso solo dirti di cominciare dalla fine, cerca su google: etica biocentrica

    RispondiElimina
  6. Mio figlio fece la tesina sulla "paura" o il terrore. Fu una bellissima tesina che spaziò nelle varie materie con parecchi argomenti. Per esempio in scienze parlò delle varie aree del cervello che vengono azionate quando si ha paura, per la storia, (poichè aveva un preciso periodo storico) parlò della 2a guerra mondiale e dei campi di concentramento, per francese Jean Paul Sartre, per inglese Allan Poe ecc. Peccato però che non la lessero per niente, la giudicarono solo dal titolo dicendo che la paura l'avevano fatta tutti (a mio figlio non risultava...) e che gli dettero un misero 65...
    Addirittura al più bravo della classe la persero per ben tre volte.
    Fu molto elogiato uno che si presentò con una misera tesina su Alberto Sordi che non aveva collegamenti e che per fortuna aveva molti ammiratori nella commissione esaminatrice.
    Non vorrei smontarti ma insomma cerca di trovare qualcosa che ti appassioni e prega la dea bendata che alla commissione, quel giorno, giri bene!
    In bocca al lupo!
    Dany

    RispondiElimina
  7. Grazie mille! Si, ho bisogno anche di fortuna; noi per fortuna non dobbiamo fare la classica tesina scritta, ovvero i papiri, ma solo la mappa e poi esporre a voce. Tuttavia non vorrei né scegliere un argomenti ridicolo o troppo abusato né argomenti cosi difficili da mettere a disagio i professori altrimenti... comunque almeno ho due idee in più. un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Ciao tesoro che succede?un consiglio?
    Se hai già le idee chiare...condivido tanto il commento di di Dany...molto saggio.
    Quindi...forza!
    Cerca qualcosa giustamente che ti colpisca...e che ti piaccia a primo impatto...non girare molto ti confonderai le idee..
    Non temere...conto su di te!
    Ti stringo forte!
    In bocca al lupo!!

    RispondiElimina
  9. grazie giusy! grazie di cuore!

    RispondiElimina
  10. Tesoro, spero tu abbia già deciso e che non abbia più bisogno del mio aiuto, ma se così non fosse potrei consigliarti il tema dell'amore. Trovi collegamenti con tutte le materie, sicuramente è di effetto e sono sicurissima che ti piacerà svilupparla.
    Io l'ho fatta sull'omosessualità, come ben sai, ma l'altra mia opzione era questa. Fammi sapere! Sai come trovarmi se hai bisogno di aiuto.

    RispondiElimina
  11. grazie tesoro,ancora non lo so.uff...baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saggio breve

Questo è un saggio breve che riguarda giustizia e legalità, rivisitate un pò attraverso alcuni esempi letterari. Perchè lo posto qui non so, ma se qualcuno avrà l'ardua pazienza di leggerlo sarei contenta di sapere che ne pensate- non sono fatta per i saggi, amo molto di più scrivere liberamente seguendo la mia fantasia-. A presto, Jivri'l.




Le leggi sono norme preposte alla vita sociale perché questa sia ordinata e basata su sistemi giudiziari equi. Discutendo sulle leggi inevitabilmente si parla anche di giustizia.

Legalità e giustizia, sebbene non sinonimi, sono i principi alla base della dignità umana. Ciò rende le persone uguali e dà a ognuno quello che si merita.
In un’immagine di Mario Sironi, “La giustizia fra la legge e la forza”, è rappresentata una donna alias Giustizia con la spada in mano e la bilancia relegata in secondo piano.
E’ interessante osservare che la bilancia, simbolo dell’equità e della stessa giustizia, è seconda, qui, alla spada, strumento che serve …

"Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente": l'altra faccia della Luna.

“Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente” : l’altra faccia della Luna.

“Ho cercato di far uscire le favole da se stesse.
Perché ogni storia contiene il suo contrario.
Perché niente è come appare: le favole sono alibi.
E perché niente, infine, appare com’è: gli alibi generano altre favole.”


Un “cantastorie” raccoglie intorno a sé i bambini desiderosi di ascoltare favole, tuttavia prima di incominciare a narrare chiede se loro credano alle favole.

“E fate male- replica- le favole non dicono sempre la verità: e sapete perché? Perché il primo che racconta una favola, la racconta come vuole lui ed allora nessuno osa più cambiarla. Tante, tante volte i fatti si sono svolti in un altro modo, la vera storia è diversa: ma quando quella storia diventa favola, ecco che i poveracci si ritrovano principi, le servette regine, i banditi eroi, ma soprattutto i cattivi vengono scambiati con i buoni e i buoni con i cattivi”.

Ed ecco che Cappuccetto Rosso non è più un…