Passa ai contenuti principali

Noi due ( capitolo 18, parte prima)


Gabriel aprí gli occhi sentendo di non poter piú respirare. Gli ci vollero alcuni secondi per rendersi conto di essere nella propria stanza di motel.
Sospiró piano e adagió il capo sul cuscino.
Stette tranquillo alcuni minuti, poi si volse verso la finestra. Ormai era evidente che era il tempo del crepuscolo.
Prese il cellulare.
Erano le quattro e mezza.
Si alzó. Tanto era sicuro che non sarebbe piú riuscito a riaddormentarsi.
Si mise addosso una tuta leggera e uscí.
Un´aria fresca lo accolse. Cominció a correre sperando di non ripensare al sogno appena fatto.
Impossibile.
Hesediel.
Hesediel.
Hesediel!
Aveva sognato che lui era a capo di quella banda di criminali. Dio, stava impazzendo?
Ora anche al lavoro non gli dava pace.
E come lo aveva immaginato!
Totalmente cambiato, ma con gli stessi occhi magnetici.
Scosse la testa.
Lo spettro di Hesediel fu come dissipato dalla sua mente.
Aveva una missione da compiere, cavolo!
Doveva essere preparato!
Per l´intera mattinata continuó a fare esercizi fisici.
Verso le undici, si mise i jeans e la canottiera bianca e uscí.
Per strada si fermó per prendersi un panino. Chissá quando avrebbe mangiato.
“Ma tu guarda, ti sei svegliato tesoruccio „ commentó la voce di Arael.
“Buongiorno anche a te, dormito bene? „ rispose il ragazzo guidando.
“Si, soprattutto dopo averti sognato per tutta la notte „ .
“Aha… invece di dire stronzate dimmi che cavolo devo fare a quella riunione di criminali „ ringhió Gabriel.
“Uhm, penso che sei piuttosto irritato, hai per caso sognato Hesediel? „.
“Fatti gli affari tuoi „.
“Okay, chiedo umilmente perdono, in fondo non mi interessa „ rispose Arael con tono triste.
“ Si, va bene, dai, dimmi quello che devo sapere „ continuó Gabriel mordendosi le labbra, sapeva fin troppo bene che Arael ancora lo trovava attraente.
“Beh, in effetti non dovrei dirti nulla, ma… tu praticamente devi essere selezionato per portare in varie parti del paese quantitá di droga. Almeno i nostri capi intelligentissimi credono che é cosi che funziona lí, tuttavia nemmeno loro sanno quello che ti aspetta, quindi se vuoi un consiglio da amico… basati sul tuo istinto, fino adesso non ti ha mai tradito „.
“ Che palle Arael! Non mi va! „ gridó con voce capricciosa Gabriel.
“Su su, dai che passerá anche questa „.
“Che dici, ce la faró? „.
“ Me lo chiedi pure? „. Gabriel sapeva che ad Arael scappó un sorriso.
Un sorriso dolce che sarebbe stato in grado di illuminare anche la stanza piú buia.
Quel sorriso che raramente si vedeva sul suo volto e che era esclusivamente per lui.
In quel momento si rese conto di essere geloso.
Terribilmente geloso di Arael.
Non avrebbe mai sopportato che regalasse un sorriso del genere a qualcun´altro.
Acceleró.
Dio!
Un altro spettro da dissipare dalla sua mente.
Stava imapzzendo sul serio?
Calcó ancora di piú l´acceleratore.

Commenti

  1. E che bippp uff, era un sogno XD
    Vabbè mi metto l'anima in pace, la mia sete di curiosità è nelle tue mani cara. Kiss.

    RispondiElimina
  2. XDDDDDD
    tesoro...lo sapevi che non do tutto per scontato..sarebbe stato troppo banale:))
    bacioni piccoletta.

    RispondiElimina
  3. Chicca, volevo dirti, ti va bene se pubblico "P.S. Ricordarsi di vivere" sul mio blogghino di racconti? Ascolta, ti andrebbe di continuare la storia? Cioè si potrebbe anche dar per conclusa però potrebbe essere intrigante riprenderne la stesura anche dopo tanto tempo, chissà cosa potrebbe uscir fuori. Poi beh... dopo la loro prima notte...!!! Sarebbe divertente, fammi sapere che ne pensi. Bacioni

    RispondiElimina
  4. Ciao tesoro. Certo. Pubblicalo pure,mi fa piacere:) spero che tu abbia ancora tutti i capitoli,magari mandali anche a me perche' non so dove sono e sono troppo incasinata per cercarli di nuovoXD
    Mandali se ti va via email, sul contatto che ho sul messenger "privato" (ovvero non quello che ho sul profilo del blog bensi quello dove chiacchieriamo).
    E poi...per me va bene, ecco...magari ne parliamo perche' ora ho abbastanza temmpo per scrivere, poi da settembre non potro' nuovamente scrivere poiche' comincia il suicidio scolastico T.T
    fammi sapere.
    spero di poterlo postare anche io tra un mesetto, ancora voglio postaresu gabri e alexandros;)
    A presto piccola.
    Bacioni

    RispondiElimina
  5. Perfetto allora, quando vuoi ne parliamo. Purtroppo come sai non ho più il tuo numero quindi quando vuoi fatti viva tu, sai dove trovarmi :P
    Ti mando tutto via mail allora. Baci

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saggio breve

Questo è un saggio breve che riguarda giustizia e legalità, rivisitate un pò attraverso alcuni esempi letterari. Perchè lo posto qui non so, ma se qualcuno avrà l'ardua pazienza di leggerlo sarei contenta di sapere che ne pensate- non sono fatta per i saggi, amo molto di più scrivere liberamente seguendo la mia fantasia-. A presto, Jivri'l.




Le leggi sono norme preposte alla vita sociale perché questa sia ordinata e basata su sistemi giudiziari equi. Discutendo sulle leggi inevitabilmente si parla anche di giustizia.

Legalità e giustizia, sebbene non sinonimi, sono i principi alla base della dignità umana. Ciò rende le persone uguali e dà a ognuno quello che si merita.
In un’immagine di Mario Sironi, “La giustizia fra la legge e la forza”, è rappresentata una donna alias Giustizia con la spada in mano e la bilancia relegata in secondo piano.
E’ interessante osservare che la bilancia, simbolo dell’equità e della stessa giustizia, è seconda, qui, alla spada, strumento che serve …

Help me!

Vi supplico, si, dico a voi che vi trovate a passare per questo blog, se avete 2 minuti e un'idea... ditemi cosa ci posso mettere nella tesina!!! Sto finendo lo scientifico e non ho la più pallida idea su cosa fare la tesina, quindi... help meeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!


Si accetta di tutto- libri, frasi, film, cartoni, fatti, cronache...- ma datemi un'idea!!!


Un saluto, Jivri'l.

"Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente": l'altra faccia della Luna.

“Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente” : l’altra faccia della Luna.

“Ho cercato di far uscire le favole da se stesse.
Perché ogni storia contiene il suo contrario.
Perché niente è come appare: le favole sono alibi.
E perché niente, infine, appare com’è: gli alibi generano altre favole.”


Un “cantastorie” raccoglie intorno a sé i bambini desiderosi di ascoltare favole, tuttavia prima di incominciare a narrare chiede se loro credano alle favole.

“E fate male- replica- le favole non dicono sempre la verità: e sapete perché? Perché il primo che racconta una favola, la racconta come vuole lui ed allora nessuno osa più cambiarla. Tante, tante volte i fatti si sono svolti in un altro modo, la vera storia è diversa: ma quando quella storia diventa favola, ecco che i poveracci si ritrovano principi, le servette regine, i banditi eroi, ma soprattutto i cattivi vengono scambiati con i buoni e i buoni con i cattivi”.

Ed ecco che Cappuccetto Rosso non è più un…