Passa ai contenuti principali

Noi due (capitolo 14)


Non ci posso credere, eppure sono già passati sei anni da quel giorno, da quando Hesediel ha scelto di sparire dalla mia vita senza chiedermi il permesso; in fondo non mi ha chiesto il permesso neanche per entrarci. Ha sempre fatto come ha voluto lui. E io ero sempre troppo debole per oppormi a lui. A volte penso che sia un bene che se ne sia andato, avrei rischiato di vivere come una sua ombra.
Io sono cambiato da allora.
Lo ammetto, l’ho cercato disperatamente, ero furioso e depresso. Lo amavo.
Lo amo?
Non lo so più, ma ancora lo penso. E dopo di lui non ho avuto nessun altro uomo.
Nessuno.
Non ho più voluto essere abbracciato da un altro maschio, neppure un amico.
Volevo conservare per sempre il suo profumo. Nei primi tempi mi rifugiavo nel suo letto e piangevo sui suoi vestiti. Si, esattamente come una ragazzina alla sua prima cotta.
Quasi mi viene da ridere, ora, ripensandoci, però in quel momento soffrivo. Soffrivo veramente.
Avevo conosciuto l’amore.
E posso affermare che esso non è bello, non è gioia, non è bellezza. È solo sofferenza.
Non voglio più amare.
Dopo di lui non ho amato nessun uomo, tuttavia ho avuto parecchie donne. E solo una relazione, con Evrika.
Era una cara ragazza che mi aveva amato sinceramente e che mi amerà per sempre, cosi come mi ha giurato quella sera di Natale sotto la neve.
‘Tu sei l’unico che amo, Gabriel, e che sempre amerò. Perché mi guardi cosi? Non ci credi? Io ti amerò per sempre, qualsiasi cosa dovesse accadere. Qualsiasi’ cosi mi aveva sussurrato prima di stringermi al suo fragile corpo dilaniato da quel male che l’ha portata via un anno fa.
Sono morti.
Lei e Hegyron.
Due persone che amavo.
Ancora, nei momenti in cui penso agli ultimi avvenimenti di sei anni fa, mi sembra che tutto scorra davanti ai miei occhi cosi velocemente da non capire cosa sia successo veramente.
Il scoprire che qualcosa di importante si nascondeva nel mio passato, la pazzia di Hegyron e la sua morte, l’abbandono di Hesediel.
Ancora ricordo lo sguardo accusatorio di Nathalie.
Era colpa mia se suo marito era sparito. Certo, era solo colpa mia.
Perché ero il suo amante.
Quella donna, cosi dolce all’apparenza, è davvero temibile. Ha fatto di tutto per far dichiarare la morte di Hesediel, in tale modo lei sarebbe diventata la sua unica ereditaria.
Lo amava, certo, ma amava molto di più i suoi soldi e il suo potere.
Ancora Hesediel non è ufficialmente morto, solo fra quattro anni lo dichiareranno tale.
E io stupidamente mi ancoro anche dopo cosi tanto tempo alla speranza del suo ritorno. Non so come reagirei. Se lo vedessi vorrei comportarmi in modo del tutto freddo trattarlo con sufficienza, però so benissimo che non ci riuscirei.
Anche se ora sono diverso, sono più forte.
Mi manca.
Ho cercato di rifugiarmi in avventure e nello studio e nel lavoro. Tutto è stato invano.
Il sesso non mi ha dato consolazione, lo studio intenso mi è sembrato fin troppo poco e il lavoro… beh, almeno grazie a quello potevo sfogarmi picchiando i criminali.
Per fortuna non sono un semplice poliziotto, poiché faccio parte di un’agenzia non governativa che lavora sotto copertura per arrestare i criminali a livello internazionale.
Con i pesci piccoli mi diverto abbastanza, ma devo sempre stare in guardia con i capi.
Ironico, però ho scoperto che il ‘mio caro’ Hesediel aveva parecchi punti scuri su alcuni suoi affari. Diciamo che spesso lavorava al limite del legale.
Ecco perché in pochi anni è diventato tanto ricco. In ben sei anni si era posto a capo di una catena di alberghi di lusso e gioiellerie.
Lo devo ammettere.
Pochi ci sarebbero riusciti.
Un uomo forte e senza scrupoli.
Non che all’inizio mi avesse dato un’altra impressione.
Ma ho recuperato i miei ricordi grazie a terapie varie. E ho capito alcune cose che non potevo cogliere altrimenti. Ho capito alcune sue parole, alcuni gesti.
Vorrei rivederlo e chiedergli molte cose, soprattutto vorrei chiedergli se mi ha mai amato.

Commenti

  1. ... me non riesce a trovare parole giuste per un commento * *

    RispondiElimina
  2. ehm...ma la devo considerare una cosa positiva o negativa??XDkissoni

    RispondiElimina
  3. ah cmq tesò l'ho mandata io la III parte di P.S. baci

    RispondiElimina
  4. Ok carissima^^ Cmq... beh, in senso positivo perchè sei molto brava come al solito a raccontare e a farmi prendere i colpi XDXDXD i lche è positivo per una scrittrice. Ma.... CAVOLOOOOOO PERO' COME SEI ANNI??????? Me svien... dov'è il mio Hesediel? * *

    RispondiElimina
  5. mah,nn penso lo vedrai troppo presto;)
    però tranquilla che ancora non ho fatto morire anche luiXD
    un abbraccio

    RispondiElimina
  6. ... beh... questo è ovvio. Ti conviene mia dolce amichetta muahahha

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Saggio breve

Questo è un saggio breve che riguarda giustizia e legalità, rivisitate un pò attraverso alcuni esempi letterari. Perchè lo posto qui non so, ma se qualcuno avrà l'ardua pazienza di leggerlo sarei contenta di sapere che ne pensate- non sono fatta per i saggi, amo molto di più scrivere liberamente seguendo la mia fantasia-. A presto, Jivri'l.




Le leggi sono norme preposte alla vita sociale perché questa sia ordinata e basata su sistemi giudiziari equi. Discutendo sulle leggi inevitabilmente si parla anche di giustizia.

Legalità e giustizia, sebbene non sinonimi, sono i principi alla base della dignità umana. Ciò rende le persone uguali e dà a ognuno quello che si merita.
In un’immagine di Mario Sironi, “La giustizia fra la legge e la forza”, è rappresentata una donna alias Giustizia con la spada in mano e la bilancia relegata in secondo piano.
E’ interessante osservare che la bilancia, simbolo dell’equità e della stessa giustizia, è seconda, qui, alla spada, strumento che serve …

Help me!

Vi supplico, si, dico a voi che vi trovate a passare per questo blog, se avete 2 minuti e un'idea... ditemi cosa ci posso mettere nella tesina!!! Sto finendo lo scientifico e non ho la più pallida idea su cosa fare la tesina, quindi... help meeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee!!!


Si accetta di tutto- libri, frasi, film, cartoni, fatti, cronache...- ma datemi un'idea!!!


Un saluto, Jivri'l.

"Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente": l'altra faccia della Luna.

“Si vede solo ciò che si osserva, e si osserva solo ciò che già esiste nella mente” : l’altra faccia della Luna.

“Ho cercato di far uscire le favole da se stesse.
Perché ogni storia contiene il suo contrario.
Perché niente è come appare: le favole sono alibi.
E perché niente, infine, appare com’è: gli alibi generano altre favole.”


Un “cantastorie” raccoglie intorno a sé i bambini desiderosi di ascoltare favole, tuttavia prima di incominciare a narrare chiede se loro credano alle favole.

“E fate male- replica- le favole non dicono sempre la verità: e sapete perché? Perché il primo che racconta una favola, la racconta come vuole lui ed allora nessuno osa più cambiarla. Tante, tante volte i fatti si sono svolti in un altro modo, la vera storia è diversa: ma quando quella storia diventa favola, ecco che i poveracci si ritrovano principi, le servette regine, i banditi eroi, ma soprattutto i cattivi vengono scambiati con i buoni e i buoni con i cattivi”.

Ed ecco che Cappuccetto Rosso non è più un…